“Diario di viaggio di una scrittrice” di Giovanna Mulas

Con la pubblicazione del libro “Diario di viaggio di una scrittrice. Amazzonia, Colombia, Isole Canarie, Turchia” di Giovanna Mulas, la Catartica Edizioni concretizza una delle idee contenute nel progetto editoriale sin dalla sua nascita.

Il libro inaugura infatti la collana “I Diari della motocicletta” dedicata a testimonianze, riflessioni, elaborazioni e pensieri di coloro che, a vario titolo, hanno la propensione a impegnarsi nelle cause in cui credono e a “metterci la faccia”; ovviamente il titolo della collana prende spunto da “I Diarios de motocicletta”, il libro basato sui diari di viaggio di Ernesto Che Guevara e Alberto Granado: in qualche modo volevamo rendere omaggio a chi non si accontenta di guardare la vita e di viverla passivamente ma fa qualcosa di attivo per contribuire al suo miglioramento, con quelli che sono i propri mezzi e, attraverso ciò, lasciare un segno, che può essere colto, interpretato, contestato, ma che non lascia, in nessun caso, indifferenti.

Il diario di viaggio di Giovanna Mulas racconta l’esperienza personale della scrittrice avuta nei suoi viaggi in Paesi come Amazzonia, Colombia, Isole Canarie, Turchia. Si tratta di località tra le più controverse e alienate dalla repressione armata (Amazzonia, Colombia), in crisi sociale e politica, sulle quali vige il veto di un’opinione pubblica normalmente plagiata da informazione censurata o deviante (Turchia, Canarie), comunque da una storia ad usum delphini, scritta dal più forte.

“Diario di una Scrittrice” è, in primis, la maturazione di una donna attraverso una nuova consapevolezza: quindi il dubbio e la ricerca, il dolore per le terribili ingiustizie imposte a popolazioni ritenute da “terzo mondo”.
Uomini come noi: degni di libertà e rispetto solo perché uomini.