Cagliari. Domenica 2 dicembre “Spettacolo Aperto”

“Spettacolo Aperto”il festival di musica organizzato dall’Associazione Studium Canticum, si avvia a conclusione dopo quasi un mese di appuntamenti dedicati alla musica per coro e non soltanto: canzoni pop, classica antica, incontri con i direttori e sperimentazioni musicali sempre nel segno dell’ascolto, tema portante di questa edizione. Concerti, operette teatrali, il flash mob di massa, la musica spiegata agli appassionati e un instancabile lavoro di promozione e avvicinamento alla musica, che è “per tutti” e di tutti.

 


Domani, Domenica 2 Dicembre, nella Chiesa di S.Eulalia (Vico del Collegio 2, Cagliari), alle ore 20 con ingresso libero, un appuntamento ricorrente di Spettacolo Aperto, quello con il canto popolareun canto potente, a tutte le latitudini, perché traduce in note e colori i nostri ricordi, i nostri dolori, le nostre speranze.
  
Come nei precedenti ‘match’ sonori tra la Sardegna, il Friuli e l’Abruzzo, Storie da cantare vuole far ascoltare questo: la passione condivisa, la profonda solidarietà dei sentimenti universali dell’uomo pur nella diversità di ogni veste regionale e nazionale.

Il coro Bachis Sulis di Aritzo e Studium Canticum, di ispirazione ‘popolare’ l’uno, ‘colta’ l’altro, fondono voci e intenti: abbattere finte barriere culturali. Perchè siamo fatti della stessa materia di cui sono fatte le storie, e questo fa la musica popolare: racconta storie, in questa occasione attraverso un repertorio conosciuto e amatissimo, che va da “No potho reposare” a “Deus ti salvet Maria”, ma anche i canti tradizionali siciliani o bulgari.

Gran finale di Spettacolo Aperto 2018, giovedì 6 dicembre  alle 20.30 all’Auditorium del Conservatorio di Cagliari, Piazza Porrino (ingresso disciplinato con raccolta fondi per attività istituzionale, prenotazione dei biglietti al num. 3389403280).  E’un evento unico:

Corpi che suonano edizione 2018 riunisce musicisti di diversa formazione intorno al ritmo, che sta alla base di ogni gesto e movimento, e che scaturisce non solo dalla voce ma anche da tutte le altre “parti sonanti” del corpo umano: i piedi, le mani, lo schiocco delle dita sono solo alcuni esempi. Uno spettacolo speciale che unisce tradizione e modernità, voci e corpo per sperimentarne la forza, presenza, assenza, importanza per la vita stessa.

L’orchestra ritmica Studium Canticum (qui al suo debutto dopo un lavoro di ricerca e studio durato un anno) insieme con il formatore e trainer Stefano Baroni, il coro e l’orchestra Studium Canticum, il quartetto Interzone, gli studenti delle Classi di Percussione, proporranno un programma con quadri sonori dalle diverse tonalità timbriche e in diverse possibilità combinatorie: la performance di “body percussion” vera e propria, l’esibizione del Quartetto d’archi, un momento importante di coinvolgimento del pubblico in salae il finale polifonico con il Coro, l’Orchestra d’archi e le percussioni per la Missa Sancti Francisci Assisiensis di Damijan Mocnik, nel segno di una armoniosa fusione tra le diverse sfumature del ritmo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here