Sassari. Controlli ambientali: purtroppo i cafoni non vanno mai in vacanza!

La Polizia Locale non abbassa la guardia durante la stagione estiva permettendoci di arginare, in modo incisivo, gli illeciti ambientali anche durante i mesi di luglio e agosto.

Nella circostanza si è rilevata, ancora una volta, fondamentale l’azione di supporto offerta dalla compagnia barracellare.

Nei mesi estivi è proseguito il concorso ” il viaggio più lungo della mondezza” : l’utente che occupa la posizione più imbarazzante fino ad oggi, ha percorso 46 chilometri per abbandonare i propri rifiuti nella città capoluogo: per questo campione ai 250 euro di sanzione si sommano 22euro di consumi!

advertisement

È stata, inoltre, inaugurata la sezione “esagerati” che vede ai primi posti:
un serbatoio di dimensioni imponenti, abbandonato in via Ardara: 250 euro!

Due bustoni contenenti pannoloni contenitivi (oltre cento) utilizzati in una RSA, gettati illecitamente nei cassonetti: 250 euro!

Un cittadino francese che svuota un’intera abitazione e abbandona montagne di rifiuti nei cassonetti in assenza di qualsivoglia tipo di differenziazione: 250 euro!

La condotta più immorale della settimana questa volta vola Oltralpe!

In questi giorni i controlli proseguono con sempre maggiore intensità, e ciò grazie alla presenza di agenti oramai diffusa su tutto territorio, sia in borghese che in divisa, all’azione capillare di barracelli ed alla collaborazione offerta dalle guardie zoofile dell’AGRAS; queste ultime sono impegnate da fine agosto nel contrasto del degrado provocato dalle deiezioni canine.

I guadagni delle sanzioni correlate agli illeciti ambientali saranno investiti in strumenti di controllo tecnologici, in equipaggiamento, in campagne di sensibilizzazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here