Porto Torres. Buche nelle strade, l’assessore Derudas: «Stanco dei tempi della burocrazia»

«Capisco che i cittadini si lamentino della situazione delle strade a Porto Torres e hanno pienamente ragione: sono stanco anche io di dover aspettare i tempi della burocrazia per vedere tappate le buche della città».

BucheLo dichiara l’assessore alle Manutenzioni del Comune di Porto Torres Alessandro Derudas. «Non nascondo di essere molto amareggiato – spiega l’esponente della giunta – perché il mio impegno per dare maggiore sicurezza alle strade cittadine non ha ancora dato i suoi frutti. Dopo essere riusciti a spendere circa 17 mila euro a marzo, siamo infatti in attesa di usare altri 18 mila euro, recuperati con fatica dal bilancio. Tuttavia, ancora non sono pronti gli atti».

advertisement

«Questi purtroppo sono i tempi della burocrazia e della pubblica amministrazione e capisco i cittadini che si lamentano – spiega ancora – a oggi, con la turnazione per le ferie del personale della struttura amministrativa, il Comune non ha potuto affidare i lavori».

«Come è noto – dice Derudas – stiamo promuovendo il progetto “Amministrazione condivisa” che prevede un impegno attivo dei cittadini che potranno così prendersi cura di alcuni beni pubblici. I documenti stanno facendo il loro iter che si concluderà a settembre con la votazione del consiglio. Nonostante ciò, mi sono sentito di consegnare due sacchi di bitume a un cittadino esasperato per la riparazione di alcune buche davanti alla sua abitazione».

«Sono stato colpito dalla storia di questa persona – dichiara Derudas – un padre di famiglia che mi ha raccontato dell’imminente matrimonio di uno dei figli e che per abbreviare i tempi già stretti si è proposto di riparare le buche della strada davanti alla propria casa. È questo infatti lo spirito del progetto di Amministrazione condivisa. Se da un lato va fatto un plauso ai cittadini volenterosi – conclude l’assessore – dall’altro non posso che constatare l’estrema lentezza della burocrazia. Già tempo fa, in silenzio, io e il sindaco Sean Wheeler abbiamo acquistato di tasca nostra le scarpe e i pantaloni per gli operai del settore manutenzioni. Si pensi che questi dipendenti, da quattro mesi, attendono ancora dal Comune la fornitura del vestiario».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here