Il fesival di musica classica “Città Medievali” ospita il sassarese Carlo Cesaraccio, «enfant prodige» dell’oboe

Il festival – Avvio alla grande della storica rassegna itinerante di musica classica.

carlo cesaraccioALTIPIANI DI ARCINAZZO (ROMA), 5 AGO – Grande attesa per il terzo concerto (lunedì 6, alle ore 18) del festival delle «Città Medievali» di musica classica, storica rassegna alla sua 38ma edizione che si svolge tra le province di Frosinone e Roma. 

Alla Villa di Traiano degli Altipiani di Arcinazzo è atteso lo straordinario musicista di Sassari, Carlo Cesaraccio, dodici anni, «enfant prodige» dell’oboe. Il giovanissimo talento si esibirà con l’orchestra da Camera di Roma, diretta dall’esperta bacchetta di Vincenzo Mariozzi. Protagonista della serata anche il clavicembalo di Todor Petrov.

La kermesse musicale si è aperta venerdì scorso nello straordinario scenario del castello di Fumone (Frosinone) e oggi (domenica 5) ha ottenuto uno straordinario successo di pubblico con il secondo concerto al Ninfeo dell’area archeologica degli Altipiani di Arcinazzo, dove l’orchestra da Camera di Roma, con la voce recitante della brava Marcella Mongelli, ha interpretato colonne sonore di celebri film. Ora l’attesa è tutta per il bambino prodigio di Sassari, che domani darà un’altra prova del suo strepitoso talento nella stazione turistica tra le province di Roma e Frosinone. (U.S).

advertisement

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here