Oristano. Cinque progetti finanziati attraverso il bilancio partecipato

La Commissione comunale ha approvato la delibera con cui approva la graduatoria e autorizza la realizzazione delle iniziative proposte

La Commissione comunale incaricata della valutazione delle proposte, preso atto degli esiti della consultazione popolare (708 i votanti) e analizzati i preventivi di spesa, ha scelto i progetti ammessi a finanziamento e questa mattina la Giunta Lutzu, su proposta dell’Assessore al Bilancio Massimiliano Sanna, ha approvato la delibera con cui approva la graduatoria e autorizza la realizzazione delle iniziative proposte.

I progetti finanziati, per la parte di spesa corrente (20 mila euro), sono:

advertisement

1) Rock in contea: euro 3.000. Realizzazione manifestazione Rock in Contea 2018. La manifestazione si svolge dal 2012 per la promozione dei talenti musicali emergenti.

2) Giornata ecologica a Silì: euro 4.000. Pulizia degli spazi verdi (via G. Paolo I, via capo Mannu e via Capo Frasca), nuove piante o fiori e cura di quelle già presenti. Creazione aiuole. Nello spazio adiacente all’ufficio della frazione realizzazione recinzione, alberi, cura di quelli già presenti per creazione area bambini pic-nic.

3) GRATO! Gran Torre: euro 12.000. Polo Storico e Culturale del turismo costiero di Oristano: Valorizzazione della Gran Torre attraverso la creazione di un centro servizi capace di attrarre e orientare i visitatori della borgata marina e accompagnarli alla scoperta del territorio dell’oristanese durante tutto l’anno.

I progetti finanziati, per la parte di spesa in conto capitale (68 mila euro) sono:

1) Centro di Riuso: nuove opportunità per cose e persone: euro 20.000. In via Oslo (Ecocentro) per il conferimento di oggetti recuperabili e cedibili a persone e famiglie. Presteranno la loro opera volontari e persone svantaggiate segnalate dai servizi sociali

2) Piazza della Condivisione (via Fermi – via Versilia): euro 48.000. Riqualificazione della piazza per rendere l’area funzionale alle esigenze del quartiere per aumentare le relazioni e la condivisione.

“Condivisione non è solo un modo di dire, ma una pratica effettiva e l’iniziativa del bilancio partecipato è una dimostrazione del nostro modo di operare – ha detto il Sindaco Andrea Lutzu presentando i progetti -.

Abbiamo ricevuto tante buone idee progettuali e sono stati tanti i cittadini che hanno voluto esprimere la loro preferenza per la proposta più interessante”.

“Questo è un traguardo importante – ha aggiunto l’Assessore al Bilancio Massimiliano Sanna -. Abbiamo rispettato i tempi e proposto un’iniziativa che è stata molto apprezzata e che intendiamo ripetere nei prossimi anni.

Attraverso l’ascolto e il confronto abbiamo realizzato una vera partecipazione e una condivisione con i cittadini. Adesso non ci resta che realizzare i progetti ammessi e intendiamo farlo velocemente.

I progetti finanziati con i 20 mila euro di spesa corrente possono essere realizzati immediatamente, quelli finanziati con gli 80 mila euro di spesa di investimento richiederanno una fase di realizzazione più lunga per le progettazioni e la realizzazione dei lavori”.

Alla presentazione dei progetti finanziati, questa mattina a Palazzo Campus Colonna, c’erano anche i rappresentanti dei comitati, delle associazioni e dei gruppi proponenti: Luca Pinna per Rock in contea, Mauro Cadeddu per la Giornata ecologica di Silì, Marco Esposito per GRATO, Gigi Piredda per il Centro del riuso e Fabio Sale per la piazza della condivisione.

Tutti hanno espresso apprezzamento per il bilancio partecipato e per il modo in cui la Giunta Luztu ha cercato la partecipazione della città.

Il bilancio partecipato, proposto dalla Giunta Lutzu e approvato dal Consiglio comunale con il bilancio di previsione 2018, mette a disposizione 100 mila euro.

Rispetto alle risorse residue (12 mila euro) sarà il Dirigente del Settore Programmazione a verificare la fattibilità della proposta del Gruppo di Ricerca Oristano ai fini del finanziamento e realizzazione del progetto “Oristano Giudicale attraverso la realtà virtuale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here