Abusivismo e contraffazione. Ad Alghero indignazione di Confartigianato

Mario Piras “Le imprese regolari sono indebolite dalla concorrenza sleale“.

 Confartigianato SardegnaALGHERO, 22 giugno 2018. Ad Alghero, ma non solo ad Alghero e soprattutto nelle città balneari, parte la stagione estiva e come ogni anno si ripresenta il solito problema: la presenza e l’invasione degli abusivi dei più svariati settori, privi di alcuna autorizzazione. “Siamo indignati” – afferma Mario Piras Presidente Provinciale della Confartigianato di Sassari; “gli abusivi stanno mettendo in ginocchio l’economia sana del nostro territorio, aggravando gli effetti della drammatica congiuntura economica e colpendo al cuore le centinaia imprese artigiane e commerciali particolarmente esposte, tra le altre, al rischio di una competizione scorretta, giocata con il ricorso a pratiche, comportamenti e mezzi illeciti”.

Il presidente degli artigiani è molto esplicito: “basta con questa tolleranza: chi deve intervenire per scoraggiare i finti imprenditori lo faccia e lo faccia pure in fretta e decisa perché non si può aspettare”. 

Nella stagione estiva la nostra città di Alghero si presenza con due facce: una, che brilla grazie alla sua bellezza architettonica ed ambientale, e l’altra che va nel senso opposto caratterizzata dalla presenza e dall’invasione di ambulanti abusivi che stanno mettendo a dura prova le attività imprenditoriali locali. Quasi in maniera spudorata vengono proposti prodotti ed articoli i cui dettagli sono stati curati in maniera così certosina da poter ingannare anche l’occhio degli intenditori più esperti, prodotti contraffatti delle più prestigiose marche; senza considerare merci consistenti in abiti da donna, costumi da bagno, occhiali, braccialetti, collanine e bigiotteria varia, senza essere in possesso delle autorizzazioni necessarie eludendo qualsiasi regola e tassa.

advertisement

Lavorare in questo modo fa male, con una concorrenza sleale sempre più agguerrita e oppressiva” – afferma Piras – “e fa male soprattutto perché notiamo un certo disinteresse da parte degli organi di controllo”. Oramai è diventata una piaga endemica del nostro Paese che in questi anni è in crescita costante. 

Vorremmo che ci sia più attenzione da parte delle istituzioni ma anche dei consumatori. Vorremmo sensibilizzare i consumatori ad acquistare nelle imprese in regolare, non solo per un dovere morale ma anche per tutelare la propria sicurezza e salute” afferma Mario Piras.

Cosa propone Confartigianato per bloccare tale fenomeno? Delle vere e proprie azioni deterrenti: controlli più serrati e sensibilizzazione del consumatore ad acquistare prodotti “sani, sicuri e certificati” delle imprese in regola ribadisce Piras.

Bisogna fare di tutto per evitare che le nostre piazze e i luoghi più turistici vengano invasi da abusivi ma anche da finti mendicanti. Serve, quindi un tavolo di emergenza perché le nostre imprese sono in emergenza.

Confartigianato non resterà in silenzio a guardare, perché lo dobbiamo a tutte quelle imprese che ogni giorno ci danno fiducia.

In questi giorni ricorre la settimana Anticontraffazione ideata e proposta dalla Direzione Generale del MISE per sensibilizzare sugli effetti generati dal falso. Oggi il falso conclude Piras sfrutta e sacrifica il lavoro minorile e già questa piaga deve invogliare chi di dovere ad attivare azioni di contrasto sempre più rigorose.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here