La Maddalena.”Chilometro Zerro” e “Recupero dell’Agrumeto di Garibaldi a Caprera”

Per il terzo anno consecutivo, si rinnova l’appuntamento di Chilometro Zerro promosso della Comunità Isole Slow di La Maddalena e Slow Food Gallura.

La manifestazione – che si caratterizza sempre più come appuntamento nel quale la Gastronomia diventa occasione per una ricerca sulla storia e, le tradizioni locali – con l’edizione 2018, si pone l’obiettivo di rappresentare un momento di riflessione e di dibattito alla ricerca di idee e modelli di sviluppo alternativi ma radicati nella cultura dell’Arcipelago.

Slow Food Gallura e la Comunità delle Isole Slow di La Maddalena, si aprono con l’obiettivo di stringere alleanze con Associazioni di respiro nazionale e internazionale, proprio per portare un contribuito fattivo al territorio e trovare sinergie che lo proiettino al di fuori dei propri confini fisici.

… e sempre più numerosi!

advertisement

In questo percorso, seguendo strade convergenti, la Comunità Isole Slow di La Maddalena e Slow Food Gallura hanno incontrato, e abbracciato, l’impegno della Water Right & Energy Foundation – in partnership con l’Associazione “Garibaldi Agricoltore: Ambiente, Paesaggio, Identità”, la Federazione delle Associazioni Sarde in Italia, la Fasi, e l’Unione delle Pro Loco d’Italia – Delegazione Sardegna – volto a restituire al patrimonio collettivo spazi di valenza storico culture inserendosi, al contempo, in un percorso articolato e diffuso indirizzato ad adottare strumenti concreti per il contrasto ai cambiamenti climatici.

L’Agrumeto di Garibaldi diventa, così, il capostipite di una serie di azioni che si inseriscono in un ampio Programma di interventi promosso dalla Water Right & Energy Foundation, che prende il nome di “300 Miliardi di Alberi” che, in onore dell’Eroe, vuole partire da Caprera per intraprendere una grande impresa volta contribuire a tutelare il patrimonio collettivo e salvaguardare la vita sul Pianeta.

Caprera, perciò, costituirà il primo nodo di una rete di interventi che si svilupperanno sul territorio nazionale e non solo. Una rete di “Food Forest” quale risposta concreta al bisogno diffuso, espresso dalle comunità cittadine, di recuperare un contatto con l’ambiente e, insieme, di risanare le ferite di un territorio sempre più offeso, dimenticato, abbandonato.

Insieme per recuperare l’Agrumeto di Garibaldi!

Il 26 maggio mattina, presso il Salone Consiliare del Comune di La Maddalena, ore 10,30,  si terrà la Tavola rotonda dal titolo “la cultura che sfama: importanza dei paesaggi storici”. Al tavolo prenderanno parte i rappresentati delle istituzioni e delle associazioni che lanceranno, proprio in quell’occasione, il Progetto di raccolta fondi in favore della ricostituzione dell’agrumeto di Garibaldi a Caprera. Saranno presenti: la Water Right & Energy Foundation, Capofila del Progetto di crowdfunding, l’Associazione Garibaldi Agricoltore: Ambiente, Paesaggio, Identità, Slow food Gallura, Sardegna e Italia, La FASI – Federazione delle Associazioni Sarde in Italia, l’Unione delle Proloco Sardegna, rappresentanti del Polo Museale della Sardegna, Il Comune di La Maddalena ed Il Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, il FLAG-Nord Sardegna e rappresentanti della Regione Sardegna.

Per l’occasione sarà presentato al pubblico il disegno del celebre vignettista, Sergio Staino, che per primo ha aderito alla campagna, donando il disegno che campeggerà sulla maglietta destinata alla raccolta fondi per il recupero dell’Agrumeto di Caprera.

La giornata prosegue con una visita al centro storico di La Maddalena con le guide della Cooperativa Isule ed infine, in serata, presso i ristoranti aderenti alla Comunità delle Isole Slow, saranno proposti piatti a tema “Chilometro Zerro” . Tutte le info sui canali social di Slow Food Gallura e sul sito dedicato all’Evento (http://slowfoodgallura.wixsite.com/chilometrozerro)

…Dire E Fare…. Ecoturismo E Sostenibilità!

Il 27 Maggio, a Caprera, l’evento conclusivo di “Chilometro Zerro” 2018. Quest’anno il tema sarà incentrato sul sistema di approvvigionamento del cibo al tempo delle Grandi Fortificazioni. L’appuntamento è alle ore 9,30 presso le Poste centrali a la Maddalena oppure, alle ore 10,30, direttamente presso la fortificazione di Poggio Rasu, a Caprera. Durante la visita sarà descritta la quotidianità di chi abitava e lavorava nelle strutture militari, fino a ripercorrere le strade, e le rotte, di ciò che arrivava nei loro piatti.

Dopo la visita, alle ore 13,00, tappa al CEA del Parco di La Maddalena, a Caprera – ex struttura facente parte del complesso sistema difensivo dell’Arcipelago e restaurata dal Parco – dove verrà organizzato il pranzo con zuppa e frittura di pesce, verdure di stagione, formaggi, dessert, acqua e vino.

Nel pomeriggio saranno organizzate visite nei luoghi meno noti dell’isola di Caprera.

Per il trasporto è previsto un servizio Bus che partirà da Olbia alle ore 8.30 con rientro previsto per le 18.30 circa.

Tutte le info e modalità di iscrizione sul sito  http://slowfoodgallura.wixsite.com/chilometrozerro

Per la traversata in traghetto, è a disposizione un voucher “sconto residenti” che sarà inviato a conferma della prenotazione.

Quest’ultima giornata promossa da Slow food Gallura e dalla Comunità delle isole Slow di La Maddalena, è patrocinata dal Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, Cofinanziata dal Comune di La Maddalena e sostenuta dalla Compagnia di Navigazione Delcomar .

Recupero dell’Agrumeto Storico di Garibaldi – Isola di Caprera

Il progetto di crowdfunding per il Recupero dell’Agrumeto storico di Garibaldi, si inserisce nell’ambito di azione dedicate allo sviluppo della rete di food forest del Programma “300 Miliardi di Alberi”. A tal fine, Water Right Foundation, ha sviluppato con l’Associazione “Garibaldi Agricoltore – Ambiente, Paesaggio, Identità” – ONLUS, Slow Food Gallura, F.A.S.I – Federazione delle Associazioni Sarde in Italia e UNPLI – Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia, comitato regionale Sardegna, una piattaforma di collaborazione tecnica e operativa finalizzata al recupero delle somme necessarie a realizzare gli interventi per il “restauro” di questo patrimonio che è insieme storico e ambientale.

Attraverso la predisposizione di attività di risanamento ambientale, recupero paesaggistico e interventi di restauro conservativo si potrà contribuire a supportare il Polo Museale della Sardegna, che ha in consegna l’area, e l’Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, responsabile della messa in valore dell’intero complesso riferibile alle aree agricole dell’allora azienda agricola del Generale. L’area, la sua storia, i valori espressi e testimoniati dagli scritti lasciati dal Generale, elevano questo piccolo lembo di terra sull’isola di Caprera, quale esempio di alto valore simbolico del rapporto tra uomo e ambiente, tra produzione ed equilibrio ecologico.

Scopo del progetto è raccogliere i fondi al fine di consegnare al Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, in coerenza col protocollo di valorizzazione siglato col Polo Museale della Sardegna nel maggio del 2015, un progetto condiviso e le risorse economiche necessarie per realizzarlo e promuoverlo, rendendolo da subito oggetto di potenziale fruizione pubblica. Le risorse saranno destinate pertanto a:

  1. Progettazione esecutiva dell’area e degli interventi di recupero paesaggistico e restauro conservativo, secondo le indicazioni fornite dalla Soprintendenza, con particolare attenzione all’individuazione di specie coerenti alle indicazioni bibliografiche e alle caratteristiche ecologiche stazionali;
  2. Creazione di sistemi di irrigazione e messa a dimora delle piante;
  3. Definizione e implementazione del piano di manutenzione post-impianto, con pianificazione del programma di visita dell’area in fase di impianto e gestione post- impianto, a fini didattici e culturali, con particolare riferimento alle scuole;
  4. Progettazione e realizzazione, secondo le indicazioni eventualmente fornite dagli Enti competenti coinvolti, dei presidi di comunicazione utili a permettere ai cittadini di accedere, anche da remoto, al sito e dare il giusto riconoscimento ai cittadini che avranno contribuito fattivamente alla realizzazione del Progetto.

Per l’ideazione, implementazione e realizzazione della campagna di raccolta fondi si è costituita una collaborazione tra soggetti con competenza specifica nei diversi campi di intervento:

Water Right & Energy Foundation: fautrice di numerosi progetti di cooperazione internazionale sul tema del risparmio e gestione della risorsa idrica, è promotrice del Progetto “300 Miliardi di Alberi” che si pone l’obiettivo di elaborare azioni concrete contro i cambiamenti climatici attraverso la piantagione di alberi. Il set di strumenti previsti dal suddetto Progetto contemplano, tra le varie azioni, anche l’adozione di interventi legati alla valorizzazione di ambiti territoriali di pregio paesaggistico e di alto valore ideale, storico e culturale.

Garibaldi Agricoltore – Ambiente, Paesaggio, Identità: associazione che raccoglie la memoria ideale dell’uomo Garibaldi. Si prefigge di promuovere un rinnovato approccio ai modelli di produzione orientati al risparmio delle risorse e alla tradizione che coglie nell’innovazione, l’opportunità di rispettare i luoghi, l’ambiente, chi produce e chi consuma.

Slow Food Gallura: associazione impegnata nel recupero delle tradizioni locali rispettose dell’ambiente e delle comunità. Il cibo, archetipo del modo di produrre e utilizzare le risorse e i territori, diviene lo strumento per promuovere i saperi ad esso collegati. L’Associazione, attraverso la Comunità delle Isole Slow di La Maddalena – articolazione del Progetto Internazionale di Slow Food Italia sulle isole e le sue comunità – ha individuato tra i propri obiettivi quello di operare per la sostenibilità delle piccole isole e la tutela delle identità locali.

FASI: l’acronimo FASI, Federazione delle Associazioni Sarde in Italia, è l’unione dei 70 circoli che operano nella Penisola in 12 regioni e 45 province. Tra le altre attività, rivolgono particolarmente la loro attenzione alla valorizzazione  e promozione turistica attraverso i beni culturali, le risorse ambientali, il patrimonio naturalistico della Sardegna.

UNPLI: Pro Loco aderenti all’Unione nazionale Pro Loco d’Italia aventi sede nella Regione Sardegna. E’ impegnata nella realizzazione di progetti in ambito culturale, sociale, ambientale e nella costruzione di una rete di relazioni con tutti i principali interlocutori di tipo istituzionale, imprenditoriale e con le più rilevanti realtà dell’associazionismo e del volontariato per la promozione del territorio.

Si stima che il progetto avrà un costo totale di euro 133.000,00. Sono previsti 4 livelli di donazione, per singoli e/o gruppi di donatori (Associazioni, scuole, Enti, aziende privati cittadini).

I destinatari del Progetto non sono solo i turisti e la cittadinanza che già frequentano il Compendio, ma una più ampia gamma di soggetti, che possono andare dagli studenti dei vari ordini e gradi, a studiosi, appassionati, storici e naturalisti.

Se alla garanzia di riuscita si coniuga la diffusione e divulgazione, già nelle prime fasi, di meccanismi di visita dell’area tali da innescare l’interesse delle scuole e di circuiti di turismo consapevole, c’è da ritenere ragionevolmente che questo intervento possa attrarre progetti di educazione ambientale, ma anche percorsi di visite guidate. Dall’implementazione del progetto potrà svilupparsi quel sistema Isola – Museo che, seppur promosso da diverse Istituzioni, ancora stenta a concretizzarsi. Certamente la realizzazione del progetto contribuirà ad arricchire le opportunità di fruizione e con essa innescare, nuovi e graduali interventi, volti a recuperare altre parti dell’area degli Orti, tali da permetterne non solo il recupero integrale, ma anche la realizzazione di un sistema articolato di visita.

Progetto di Crowdfunding_Recupero agrumeto storico di Garibaldi_STAMPA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here