Il 2 giugno corteo antimilitarista contro le basi in Sardegna

“A Foras Fest” a Cagliari.

A Foras Fest(ANSA) – CAGLIARI, 30 MAG – “In piazza contro lo Stato che continua a imporre all’Isola poligoni, esercitazioni, basi segrete e altre servitù. E poi per ribadire che il nostro popolo non vuole essere più complice di nessun genocidio, da quello dei palestinesi perpetrato da Israele che fa ricerca bellica in Sardegna, fino alla guerra dello Yemen combattuta con le bombe costruite dalla Rwm di Domusnovas”.
È il senso di “A Foras Fest”, la mobilitazione in programma il 2 giugno a Cagliari, parallelamente alla Festa della Repubblica, “per gridare allo Stato italiano che il popolo sardo è sempre più stufo dell’occupazione militare”.
Il collettivo A Foras ha presentato il programma dell’iniziativa a Calamosca, davanti alla Caserma Ederle, uno dei beni ritornati nelle mani della regione grazie all’accordo siglato con il ministero della Difesa.
“Proprio qui per contestare l’accordo firmato a novembre – spiega uno dei membri dell’assemblea, Francesco Lodovici – si parlava di restituzione della caserma al popolo sardo, ma ora scopriamo che esistono investitori cinesi che vogliono fare degli hotel di lusso in Sardegna, e questa non può essere una compensazione per bombe, veleni e tumori”.
A che tipo di riconversione sarebbe favorevole A Foras? “Noi vorremmo trasformare le caserme militari in case popolari”. Quest’anno il corteo partirà alle 16 da viale Trento, davanti al palazzo della Giunta, per proseguire in viale Merello, via Is Maglias, via Trincea dei Razzi, via Ciociaria, via Quirra, via Cornalias, via Cadello, e infine in via Is Mirrionis all’ingresso del Magistero.
La giornata si concluderà con il concerto a Sa Domu, in via Lamarmora, dove si esibiranno vari artisti: Rossella Fai, Azzurra, Nemos, South Sardinian Scum.
FONTE : CHRISTIAN FLAMMIA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here