Olbia: esecuzione di ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 5 cittadini albanesi

Olbia: indagine “Quartiere Sicuro”. Cinque arresti dei Carabinieri per tentato omicidio e rissa.

Olbia, rissaDalle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Reparto Territoriale di Olbia, insieme allo Squadrone Eliportato “Cacciatori” di Sardegna e al 10° Nucleo Elicotteri di Olbia, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Tempio Pausania su richiesta della stessa Procura della Repubblica che ha concordato con le risultanze investigative dei Carabinieri della Stazione di Olbia Centro, hanno arrestato cinque indagati, a vario titolo, per tentato omicidio, rissa e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

L’indagine si è sviluppata a seguito della rissa avvenuta nei pressi di un bar di Olbia nel pomeriggio del 27 febbraio u.s.. Quel giorno, all’arrivo delle pattuglie, le persone coinvolte nella rissa erano in parte fuggite, mentre chi era rimasto era stato trasportato presso l’Ospedale di Olbia a causa delle gravi ferite riportate. Il primo sopralluogo ha consentito di individuare solo una parte delle persone che avevano partecipato o assistito alla rissa perché altri erano fuggiti. Le pattuglie della Stazione di Olbia Centro e del NORM hanno effettuato un accurato sopralluogo e questo ha consentito di rinvenire, abbandonate e nascoste sotto un’auto, le “armi” utilizzate per la spedizione punitiva.

Da quel momento una parte dei militari si è dedicata a chi era stato trasportato presso il Pronto Soccorso e una parte alla ricostruzione dei fatti sviluppando quanto rinvenuto nei pressi di Corso Vittorio Veneto.

advertisement

Le indagini della Stazione di Olbia Centro, incrociando le risultanze dei filmati delle telecamere di sicurezza del Comune, dei tabulati telefonici, delle testimonianze acquisite, delle impronte digitali e delle tracce ematiche rilevate sulle spranghe di ferro da cui è stato possibile risalire al DNA di alcuni soggetti, hanno portato all’arresto nella mattinata odierna dei cinque indagati, tutti di origine albanese e residenti ad Olbia:

Hoxha Dashmir, cl 75, muratore, Ruci Dajlan, cl 81, operaio, Zefi Eduard, cl 85, muratore, Gjoka Ilkir, cl 84, muratore e Gjoka Izmir, cl 88.

I cinque, eseguite le formalità di rito e i decreti di perquisizione, sono stati accompagnati presso le carceri di Sassari e Tempio Pausania a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Nel corso dell’operazione di questa mattina sono stati individuati e identificati altri due soggetti che, verosimilmente, dalle ricostruzioni, avevano partecipato alla spedizione punitiva e saranno deferiti in stato di libertà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here