Cagliari. Al Teatro Massimo arriva “Lettres sonores”

Martedì 6 marzo per il nuovo appuntamento con Le Salon de Musique sul palco del Teatro Massimo di Cagliari arrivano le lettere sonore di Valery Afanasseiev, scrittore, musicista e compositore russo.

Lettres sonores

Musica, letteratura e videarte si intrecciano in questa serata che  vedrà sul palco i musicisti Irma Toudjian (pianoforte), Arnaldo Pontis (elettronica) e Matteo Casula (chitarra), autori anche delle musiche originali scritte apposta per questa occasione.  La voce recitante sarà quella dell’attore Marco Spiga, impegnato a ripercorrere il romanzo di Afanasseiev, “Lettres sonores”, nella traduzione e riduzione curata dalla stessa Toudjan. Un romanzo in cui l’autore riporta i contenuti delle cassette sonore ricevute dal suo miglior amico, residente a Mosca in un’epoca in cui non era possibile esprimersi liberamente.

advertisement

Scrive Afanasseiev, a proposito del suo libro pubblicato nel 1986. “Le letteres sonores (zvoukovié pis’ma) erano di moda nell’ U.R.S.S: all’inizio degli anni Cinquanta l’euforia di quell’epoca si limitava all’abbondanza del caviale. Le piccole cassette gialline duravano circa tre minuti; ne ho ricevuto uno da mio padre. Questo termine evocativo mi è venuto in mente nel corso di una registrazione che destinavo ad un amico a Mosca. Vivevo già in occidente…Parlavamo del più e del  meno indifferentemente e di diverse altre cose…Nelle registrazioni che ricevevo c’erano più scatti: il mio amico spegneva il magnetofono in continuazione”.

La regia è di Cristina Maccioni, mentre le scenografie sono curate da Sabrina Cuccu. Elaborazioni video a cura di Magnetica Ars Lab.

La serata è organizzata in collaborazione con l’associazione culturale Le Officine e il Teatro di Sardegna.

Informazioni:

tel. 348 0362800. www.suoniepause.com

Mail: info@suoniepause.com .

Pagina Facebook: Suoni e Pause.

Ideata con l’obiettivo di creare momenti d’attenzione verso la musica, le arti visive e la letteratura. “Le Salon de Musique” è organizzata dall’associazione culturale Suoni e Pause. E’ realizzata con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here