Debutto nell’Isola de “Il Club delle Vedove” di Ivan Menchell

Ironia in nero con “Il Club delle Vedove”  di Ivan Menchell –  in tournée nell’Isola per la  Stagione di Prosa 2017-18 organizzata dal CeDAC nell’ambito del Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna.

VedoveLa brillante commedia, incentrata sull’amicizia al femminile e sulle diverse strategie per sopravvivere a una tragedia, debutterà in prima regionale martedì 23 gennaio alle 21 al Teatro Nelson Mandela di Santa Teresa Gallura. La pièce che affronta temi cruciali come l’amore e la morte, mettendo l’accento sulle regole e le convenzioni sociali, sull’amarezza della solitudine e sul desiderio di ricominciare a vivere sarà poi in cartellone mercoledì 24 gennaio alle 21 al Teatro Civico Oriana Fallaci di Ozieri, giovedì 25 gennaio alle 21 al Teatro del Carmine di Tempio Pausania e infine venerdì 26 gennaio alle 21 al Padiglione Tamuli delle ex Caserme Mura di Macomer.

Sotto i riflettori un’attrice versatile e di grande temperamento come Caterina Costantini (con all’attivo una intensa carriera sul palcoscenico, accanto ad artisti come Nando Gazzolo, Marina Malfatti e Gianrico Tedeschi, Aldo Reggiani, Paola Borboni, Regina Bianchi e Antonio Casagrande) assieme a Lorenza Guerrieri (la Nadja dello sceneggiato “Michele Strogoff”, una carriera fra teatro e cinema) e Marina Occhiena (cantante e attrice, dal quartetto dei “Ricchi e Poveri” all’Isola dei Famosi) nei ruoli delle tre protagoniste,  per la regia di Silvio Giordani. Completano il cast  Lucia Ricalzone e  Carlo Ettore, le evocative scenografie sono di Vera Roman e i costumi di G&P Roma, mentre le musiche dello spettacolo sono di Eugenio Tassitano – produzione Planet Production.

advertisement

“Il Club delle Vedove” racconta il profondo legame che unisce tre donne accomunate da un identico destino, ovvero la perdita dei rispettivi mariti, sottolineando gli aspetti grotteschi e gli “eccessi” di tre esistenze consacrate alla memoria dei defunti, in cui le visite al cimitero diventano le uniche occasioni mondane mentre le conversazioni insistono sui comportamenti più o meno consoni di amiche e conoscenti, e specialmente sulle stravaganze di una loro coetanea che, benché non più giovanissima, continua a collezionare con innegabile ottimismo nuovi matrimoni (e funerali). Focus sull’antitesi tra Eros e Thanatos nella pièce che affronta con humour e leggerezza – ma senza sminuirne l’importanza – un argomento delicato e complesso come l’elaborazione del lutto, un passaggio indispensabile per ritrovare l’equilibrio interiore dopo il grave trauma e riprendere il controllo della propria vita, aprendosi a nuove esperienze per scoprire quel che riserva il futuro.

Le tre dame in nero – fondatrici e attiviste di quel club dal nome così particolare ed emblematico – sembrerebbero preferire isolarsi e richiudersi tra i ricordi del passato, sottrarsi idealmente agli occhi del mondo per fermare il tempo nell’istante più doloroso, quasi avvolgendosi anch’esse in un sudario, ma in realtà ciascuna di esse vive o sopporta  in maniera differente la propria condizione, il senso di smarrimento e di vuoto. I loro matrimoni non sono stati tutti egualmente felici, e quindi la necessità di tenere accesa la fiaccola di un’antica passione varia per ognuna ma son soprattutto i caratteri, e quindi le inclinazioni e le aspirazioni a distinguerle e quando all’orizzonte si profila un possibile corteggiatore l’armonia dell’affiatato trio sembra destinata a spezzarsi. L’attrazione fatale – o forse solo la simpatia – per un uomo, anche lui vedovo, mette in discussione principi consolidati e condivisi, mostrando che la dedizione al perduto consorte e quella fedeltà imperitura che supera perfino la formula del giuramento forse non hanno per tutte loro un identico significato. La commedia mostra come le reazioni siano spesso imprevedibili e come inatteso un tenero sentimento possa sbocciare tra le fredde pietre di un cimitero: innamorarsi di qualcun altro non è necessariamente una mancanza di rispetto verso il marito defunto, semmai un segnale che la vita può ricominciare e che quella tragedia per quanto dolorosa non rappresenta la fine di tutto.

“Il Club delle Vedove”  offre lo spunto per confrontarsi con questioni importanti, e ineludibili come la morte – in una chiave volutamente ironica non per sminuirne la drammaticità ed irreparabilità  ma proprio a sottolineare come essa faccia parte della vita: un’esperienza dolorosa, che può diventare parte di una crescita personale, se si trova la forza per vincere l’amarezza  salvando i più preziosi e bei ricordi, e riscoprendo la felicità delle piccole cose, ma soprattutto la pièce rammenta come  ciascuno debba sentirsi libero di affrontare a modo suo, secondo la sua sensibilità e con i suoi tempi.

I riti funebri possono costituire una consolazione, un rifugio per alcuni, ma non per tutti e la pièce sottilmente mette in discussione l’ipocrisia di una società che vorrebbe rinnegare la verità della vecchiaia e della morte, nascondendole allo sguardo, e che per salvare le apparenze per secoli ha affidato alle donne il ruolo di custodi di un focolare ormai spento, dopo averle immolate a logiche di potere e politiche patrimoniali, trascurando il loro diritto di essere se stesse e di scegliere chi amare – eventualmente in tarda età. Il fuoco della passione dà spesso scandalo ma seguire le ragioni del cuore è forse l’unica chiave della felicità.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here