Carbonia. CasaPound: il sindaco intervenga sul disagio tossicodipendenza

Un’azione di sensibilizzazione è stata compiuta questa notte dai militanti di CasaPound con l’affissione di uno striscione avente testo “proteggiamo i nostri figli, spostiamo il S.E.R.T. !“ sul muro dell’azienda sanitaria locale.

Carbonia“Quest’azione non è nient’altro che la semplificazione da riportare alla giunta Massidda – afferma Fabio Corrias, coordinatore cittadino di CasaPound – a seguito delle innumerevoli lamentele e della crescente indignazione tra i cittadini Carboniensi”.

“È inammissibile che le madri debbano avere paura ad accompagnare i propri figli a scuola perché avvicinate dai tossici – continua Corrias nella nota – ed al tempo stesso vedere i residenti evitare le zone limitrofe poiché dedite a spaccio, abbandono di bottigliette di metadone e di siringhe infette lungo le strade”.

“È oltretutto impensabile che il centro per le tossicodipendenze si trovi a poche decine di metri dall’Istituto Comprensivo Satta, il quale racchiude sia le scuole elementari che l’asilo comunale – continua Corrias – e per di più, con pochi minuti di passeggiata, si possa
raggiungere anche l’asilo privato di Via Roma”.

“Questo striscione – conclude Corrias – vuole essere uno sprone al sindaco Massidda affinché possa attivarsi per valutare lo spostamento dei servizi ai tossicodipendenti nei locali più idonei, benché abbandonati da anni, del Presidio Ospedaliero Sirai”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here