Cagliari. In scena “In un cielo di stelle gialle… bianche farfalle”

“In un cielo di stelle gialle… bianche farfalle” è lo spettacolo scritto e diretto da Rita Atzeri, che andrà in scena domenica 14 gennaio alle 17 al  al Ts’E in via Quintino Sella a Is Mirrionis – Cagliari  per un’anteprima della stagione “Teatro e Marmellata”.

scena“In un cielo di stelle gialle… bianche farfalle”: l’incubo della Shoah rivive sulla scena domenica 14 gennaio alle 17 al TsE di via Quintino Sella nel cuore di Is Mirrionis a Cagliari attraverso lo sguardo e le parole dei fanciulli d’Europa all’ombra della follia nazista per un evento speciale – un’anteprima di “Teatro e Marmellata” – la Stagione dedicata a un pubblico di giovanissimi e alle loro famiglie firmata Teatro del Segno, in occasione della Giornata della Memoria. Una pièce originale – scritta da Rita Atzeri e liberamente ispirata a libri emblematici come “La Repubblica delle farfalle” di Matteo Corradini e “Ultima fermata: Auschwitz” di Frediano Sessi, “Otto. Autobiografia di un orsacchiotto” di Tomi Ungerer, e “Le valigie di Auschwitz” di Daniela Palumbo – per ripensare agli avvenimenti di quegli anni, riscoprire l’orrore di un genocidio attraverso le testimonianze dei protagonisti – strappati all’età dell’innocenza e precipitati nella dolorosa consapevolezza dell’assurdità e “banalità del male”.

Sotto i riflettori  Antonio Luciano e Marta Gessa per la regia di Rita Atzeri, per un ideale viaggio a ritroso nel tempo, fino alla prima metà del Novecento, quando l’antisemitismo e l’ideologia della presunta superiorità della cosiddetta “razza ariana” hanno messo in moto una infernale macchina di distruzione che ha travolto le esistenze di milioni di donne e uomini, vecchi e bambini. “In un cielo di stelle gialle… bianche farfalle” ridà voce a bambini e adolescenti, dalle cronache di Terezin, tra efferati delitti e la vita quotidiana nel lager documentati nelle pagine di “Vedem” (Avanguardia), un giornale fatto dai ragazzi, che scorgono da lontano la realtà misteriosa di quella “Repubblica delle Farfalle”, al diario di Arturo Finzi, ricostruito in “Ultima fermata: Auschwitz”, sulle progressive restrizioni imposte agli ebrei nell’Italia fascista dopo il 1938, fino alla destinazione finale – e fatale.

Una fiaba moderna – la storia dell’orsetto Otto e dei bambini suoi amici – narrata  dallo scrittore e illustratore francese Tomi Ungerer, e i destini incrociati di Carlo, Hannah, Jacob, Émeline, Dawid – cinque ragazzi nati e cresciuti in città diverse ma tutti vittime dell’insensatezza e della crudeltà umana, costretti a lasciare le loro case, rinchiusi nei ghetti o nei campi di concentramento, privati della libertà di giocare in un parco e perfino di un fratellino, sottratto alla famiglia perché troppo gracile e malato, indifesi di fronte all’orrore di una nuova barbarie che non ha rispettato neppure l’infanzia. Teatro di narrazione – con oggetti e musiche – per una sofferta e partecipe  rievocazione di una delle pagine più nere della storia del Novecento, in uno spettacolo pensato per un pubblico di giovanissimi ( tra gli 8 e i 13 anni), struggente e poetico, per non dimenticare.

advertisement

La  Stagione 2017-2018 di “Teatro e Marmellata” si inserisce nel progetto pluriennale “TEATRO SENZA QUARTIERE/ per un quartiere senza teatro” 2017-2021 a cura del Teatro del Segno con la direzione artistica di Stefano Ledda – in collaborazione con la Parrocchia di Sant’Eusebio di Cagliari e  con il patrocinio e il sostegno del Comune di Cagliari e della Regione Autonoma della Sardegna e l’apporto prezioso di alcuni sponsor privati. Il progetto “TEATRO SENZA QUARTIERE/ per un quartiere senza teatro” 2017-2021 vede in prima fila, accanto al Teatro del Segno, l’Accademia Internazionale della Luce, l’        AIDI/ Associazione Italiana di Illuminazione – Sardegna, il Teatro Tages, Luna Scarlatta, Doc Servizi  e CeDAC (Centro Diffusione Attività Culturali) che organizza il Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna.

“In un cielo di stelle gialle… bianche farfalle”  de Il Crogiuolo, scritto e diretto da Rita Atzeri, nasce come contributo di teatro civile per la Giornata della Memoria. Lo spettacolo, interpretato da Antonio Luciano e Marta Gessa, prende spunto dalla lettura dei testi di Matteo Corradini (“La Repubblica delle farfalle”), Frediano Sessi (“Ultima fermata: Auschwitz”), Tomi Ungerer (“Otto. Autobiografia di un orsacchiotto”) e Daniela Palumbo (“Le valigie di Auschwitz”). Ad essere raccontate, con la semplicità del teatro di narrazione e l’ausilio di musiche ed oggetti, le vicende di bambini e bambine che, in un’Europa dilaniata dalle leggi razziali, vivono sulla loro pelle l’orrore della deportazione. Siamo nel 1938, in Italia per volere del fascismo, nella Germania di Hitler, nelle occupate Francia e Polonia, le leggi razziali tolgono agli ebrei tutti i diritti: lavorare, andare a scuola, essere curati, entrare in un parco pubblico per i protagonisti del nostro racconto diventano un lontano ricordo. Rabbia, paura, speranza, rassegnazione, lotta e resistenza vengono raccontate in questo spettacolo. Il Racconto è la forma di Resistenza che abbiamo il dovere di compiere, il racconto è il testimone.

INFO e PREZZI

Biglietto unico 7 euro

Ridotto bambini e residenti Is Mirrionis  5 euro

Per info e prenotazioni:

e-mail: biglietteria.teatrotse@gmail.com – tel.  070 680229cell.  3914867955 (dalle ore 17.00)

CONTATTI: per l’ufficio stampa del Teatro del Segno:

Anna Brotzu – 328.6923069 – teatrodelsegno.uffstampa@gmail.com

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here