Cagliari. Sabato 3 febbraio a Is Mirrionis storie di (stra)ordinaria follia con “Uno è Trino” di LucidoSottile

Sotto i riflettori Felice Montervino interpreta tra accenti surreali e grotteschi un originale “Trittico sulle idiosincrasie” con la regia di Tiziana Troja e Michela Sale Musio sulla colonna sonora di Francesco Medda / Arrogalla.

 

Teatro Is Mirrionis  Viaggio tra parole, note e visioni per un nuovo duplice appuntamento al TsE di via Quintino Sella nel cuore di Is Mirrionis a Cagliari: sabato 3 febbraio alle 21 sarà protagonista Felice Montervino con “Uno è Trino/ Trittico sulle idiosincrasie” di LucidoSottile per la regia di Tiziana Troja e Michela Sale Musio con le elaborazioni sonore di Francesco Medda / Arrogalla – mentre domenica 4 febbraio alle 21 spazio al cantautore salernitano Guido Maria Grillo per un’antologia di brani con la sua cifra a tratti graffiante, a tratti più intimistica e struggente, tra ironia e poesia..

advertisement

Tre storie stravaganti per “Uno è Trino” – l’insolito e surreale “Trittico sulle idiosincrasie” firmato LucidoSottile con un istrionico Felice Monterfino alle prese con le piccole manie e le fobie di tre personaggi – Amedeo, Loris e Vito – tra invadenti “presenze”, divagazioni erotiche e pericolose passioni che regalano un affresco di varia e inquietante umanità. Un individuo scialbo e impacciato, comunque innocuo e apparentemente rassegnato ad un’esistenza grigia e monotona, viene tenuto in ostaggio a bordo di un autobus da un passeggero sui generis, un piccione: una situazione inattesa che scatena in lui una reazione sproporzionata, risvegliando il ricordo di umiliazioni, stress e (in)giustificati timori, in un inarrestabile flusso di parole in crescendo fino all’invettiva. Una confessione mette a nudo una irresistibile e imbarazzante “pulsione” che trasforma la vita sentimentale di un personaggio in una serie di fallimenti, con effetti tragicomici ma devastanti per l’interessato, incapace di reprimere quell’impulso e sempre più a disagio all’idea di iniziare una nuova relazione dall’esito ormai prevedibile. L’odio per i volatili e l’impossibilità di amare lasciano il posto al “vizio” segreto di un uomo, che per difendere il suo bisogno di solitudine e di privacy durante il rito della consumazione dei pasti non esita a ricorrere all’intimidazione, e a meditare vendetta contro i trasgressori del suo dogma.

Focus sull’alienazione della società contemporanea nella pièce – con la regia di Tiziana Troja (anche autrice dei testi insieme a Felice Montervino) e Michela Sale Musio e con la suggestiva colonna sonora creata dal musicista, compositore e producer Francesco Medda / Arrogalla che evoca atmosfere metropolitane e deliri della mente tra pathos e una (in)sana follia – in cartellone (sabato 3 febbraio alle 21) per la Stagione 2017-18 di Teatro Senza Quartiere organizzata dal Teatro del Segno.

Canzoni d’autore per “Musica al TsE” (domenica 4 febbraio alle 21) con il concerto di Guido Maria Grillo che ritorna nell’Isola – dopo varie incursioni teatrali, come ne “La Maledizione dei Puri” di e con l’attrice e drammaturga Francesca Falchi – per un breve tour che (dopo Sassari, Iglesias e Quartu Sant’Elena) si concluderà al TsE di Is Mirrionis a Cagliari.

“In giro a suonare e leggere poesia” fra teatri e clubs, l’artista salernitano che ha diviso il palco con Petra Magoni e Ferruccio Spinetti in “Musica Nuda”, oltre alle collaborazioni con Paolo Benvegnù, Cristiano Godano e GianCarlo Onorato e gli opening acts per Rufus Wainwright, Avion Travel e Marlene Kuntz, Paolo Jannacci, Niccolò Fabi e Levante, proporrà parte del suo repertorio, sulla falsariga dei due albums – “Guido Maria Grillo” e “Non è quasi mai quello che appare” (entrambi per l’etichetta AM Productions/AbuzzSupreme).

In attesa dell’uscita del terzo album in studio – anticipato da “Il Mostro” inserito nell’Ep “Torino Chiama” per cui ha scelto come compagni di viaggio Daniele Celona, Bianco, Marco Notari e Cecilia – Guido Maria Grillo interpreterà alcuni dei brani più significativi in un emozionante percorso sul filo delle note, scegliendo tra “Ferite di guerre” e “Quello che resta”, “Le nostre verità”, “Nulla sarà come prima” e “Un fiore va a dormire”, “Solitudine”, “Inutili parole” e “Trasformati in vento”. E tra le poesie in musica di “Non è quasi mai quello che appare” – da “Preghiera” ad “Avrò cura di te”, “Il tango dei naufragati (schiavi di Dio e della fame)” e “Canzone per me”, “Finirà” e “L’amore più segreto”, in un intimistico e intrigante recital in cui le parole si fanno musica e la musica poesia, facendo vibrare le corde del cuore.

Laureato in filosofia con una tesi su Fabrizio De André, il musicista campano, già vincitore di concorsi come Bologna Music Festival e Musicacontrocorrente, ospite del Premio Tenco al Teatro Ariston di Sanremo nel 2011 per la presentazione della compilation dedicata a Luigi Tenco “Sulle labbra di un altro. Come fiori in mare vol.2” (Club Tenco/Lilium Produzioni), è stato selezionato per le audizioni finali del Festival di Sanremo (categoria “Giovani”) in quattro edizioni successive, dal 2013 al 2016, per poi veder riconosciuta la sua vena cantautorale come vincitore del Premio Bruno Lauzi 2017.

La Stagione di Teatro Senza Quartiere al TsE di Is Mirrionis proseguirà sabato 17 febbraio alle 21 con “Donne sull’orlo 2 / Quando la coppia scoppia” di e con Francesca Falchi per un’indagine semiseria tra le “affinità elettive” e le incompatibilità di carattere che si svelano sempre troppo tardi attraverso le testimonianze di Eva, Penelope, Giulietta, Lucia, Silvia, Anita – sei eroine del mito e della letteratura, dalla Bibbia al Risorgimento per altrettante storie… d’amore.

Fuori abbonamento “Bestie Feroci Revolution” del Teatro dallarmadio – con Fabio Marceddu e Antonello Murgia – sabato 3 marzo alle 21 – mentre l’Alkestis proporrà – sabato 24 marzo alle 21 l’insolito e ironico “Katakombe Kabarett” con Sabrina Mascia e Andrea Meloni (che firma anche la regia). E ancora “Sei monologhi da Pirandello” – sabato 31 marzo alle 21 – con gli attori del Teatro del Segno diretti da Stefano Ledda, la poesia e le aeree coreografie di “Nata dalla Luna” di e con Virginia Viviano – da un racconto di Italo Calvino con le musiche di Rossella Faa, e il sottile e pungente umorismo di “Egregio Signor Assessore” di e con Elio Turno Arthemalle sabato 28 aprile con Michela Atzeni, Valentina Fadda, Emanuela Lai, Felice Montervino e Angelo Trofa per chiudere in bellezza (sabato 12 e domenica 13 aprile) con “Blumen” con Miana Merisi e Luigi Tontoranelli, per la regia di Maria Assunta Calvisi.

Spazio alle sette note con la rassegna “Musica al TsE”: venerdì 16 febbraio alle 21 risuoneranno le note di “Edith – la voce dell’anima” – un omaggio alla grande Edith Piaf firmato OfficinAcustica con Anna Lisa Mameli e Corrado Aragoni per riscoprire il fascino de “La vie en rose”.

Il TsE di Is Mirrionis a Cagliari ospita anche stages e laboratori – da “Cartoons in carne ed ossa”, il laboratorio di gioco teatrale condotto da Serenella Converti alias “La signorina Tina” e un intrigante percorso sui segreti della mente con le lezioni sulle Tecniche di Memoria e di Lettura Veloce a cura di Iolanda Mason per InversaMente: (per informazioni e iscrizioni: cell. 3495834205).

La Stagione 2017-2018 di “Teatro Senza Quartiere” e la rassegna “Musica al TsE” e così stages e laboratori si inseriscono nel progetto pluriennale “TEATRO SENZA QUARTIERE/ per un quartiere senza teatro” 2017-2021 a cura del Teatro del Segno con la direzione artistica di Stefano Ledda – in collaborazione con la Parrocchia di Sant’Eusebio di Cagliari e con il patrocinio e il sostegno del Comune di Cagliari e della Regione Autonoma della Sardegna e l’apporto prezioso di alcuni sponsor privati. Il progetto “TEATRO SENZA QUARTIERE/ per un quartiere senza teatro” 2017-2021 vede in prima fila, accanto al Teatro del Segno, l’Accademia Internazionale della Luce, l’ AIDI/ Associazione Italiana di Illuminazione – Sardegna, il Teatro Tages, Luna Scarlatta, Doc Servizi e CeDAC (Centro Diffusione Attività Culturali) che organizza il Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here