Cagliari – Sardegna Arena viola. Notte fonda per il Cagliari

CAGLIARI – Il Cagliari scivola malamente alla Sardegna Arena e non esce dalla crisi, la Fiorentina torna a casa con tre punti pesanti, costruiti con una partita dominata per larghi tratti. Inutile negarlo. I gigliati scardinano il fortino rossoblù solo a pochi minuti dallo scadere, con un gol di rapina di Babacar e l’1 – 0 toscano non fotografa degnamente l’andamento della gara, con i viola che avrebbero meritato un successo ben più largo. Lopez conferma l’undici base con il consueto 3 – 5 – 2: il trio difensivo composto da Romagna, Pisacane e Andreolli a protezione di Cragno, sulle fasce della mediana Padoin, Barella e Ionita attorniati – a sorpresa – da Van Der Wiel e Cossu (con la fascia da capitano), in avanti Joao Pedro e Pavoletti. Dall’altra parte i gigliati di Pioli presentano l’ex Astori e il talento Chiesa. Gli ospiti prendono subito possesso della zona nevralgica del campo, costringendo i rossoblù alla difensiva. Al 9’ il primo brivido, con un traversone insidioso di Chiesa spedito in angolo da Andreolli. Pochi minuti e Milenkovic in sforbiciata manda la sfera a lato. Joao Pedro prova ad alleggerire la pressione viola, ma Sportiello blocca. Troppo poco per il Cagliari. Gli isolani sembrano confusi, poco lucidi, senza idee. Una squadra spenta, lontana parente di quella vista all’Olimpico contro la Roma. Al 25’ ci vuole un miracolo di Cragno sulla zuccata di Simeone. Pochi giri di lancetta: ancora l’estremo rossoblù protagonista su un tiro pericoloso di Chiesa. Nel finale della prima frazione si risveglia il Cagliari ancora con Joao Pedro, ma il tiro è fuori dallo specchio. Secondo tempo con Farias al posto di Cossu per i padroni di casa. Si aspetta un altro canovaccio. Inizio promettente, con Ionita che, su cross di Padoin, sale sull’ascensore ma il colpo di testa è sul fondo. Non è serata, però. Al 9’ Romagna si immola su un tiro di Simeone. Dopo pochi istanti traversone di Thereau con Badelj che si divora il vantaggio. La partita sembra poi indirizzarsi stancamente verso il pareggio, con la difesa rossoblù che respinge gli assalti ospiti. Poi la sorpresa al 36’ cross perfetto di Chiesa dalla destra e zampata vincente di Babacar. Raddoppio vicino al 40’ con Chiesa, ma il diagonale è deviato in corner. Nel recupero anche l’espulsione di Joao Pedro – per un fallo a gioco fermo sul talento gigliato – a confermare la serataccia del Cagliari.
Luciano Pirroni

CAGLIARI (3 – 5 – 2): Cragno, Romagna, Pisacane (39’ s. t. Sau), Andreolli, Barella, Ionita (17’ s. t. Faragò), Van Der Wiel, Cossu (1’ s. t. Farias), Joao Pedro, Pavoletti. All. Lopez

FIORENTINA (4 – 3 – 3): Sportiello, Milenkovic (37’ s. t. Carlos Sanchez), Biraghi, Hugo, Astori, Badelj (42’ s. t. Laurini), Benassi, Veretout, Simeone, Chiesa, Thereau (25’ s. t. Babacar). All. Pioli

ARBITRO: Di Bello di Brindisi

RETE: 36’ s. t. Babacar