“Nuovi Orizzonti per Castelsardo”: presentata proposta alla Giunta e Consiglio Comunale

Più informazioni su

L’ Associazione Culturale “ Nuovi Orizzonti per Castelsardo “ ha presentato la proposta al sindaco e alla giunta comunale, a porre in essere tutti gli atti necessari che consentano alla città di Castelsardo di far parte dell’Unione dei Comuni dell’Anglona e della Bassa Valle del Coghinas.

Tutti i comuni aderenti all’Unione infatti, essendo al di sotto dei cinquemila abitanti, hanno l’obbligo normativo di attivare una gestione associata per l’esercizio delle “funzioni fondamentali”, che, gestite collegialmente consentono risparmi ai singoli comuni.

Il presidente Christian Speziga, afferma che Castelsardo deve delineare, insieme agli altri soggetti coinvolti, un disegno strategico di coesione e sviluppo del territorio. L’organizzazione e la gestione di servizi comuni, quali la scuola, l’attività inerente l’edilizia privata.

L’adesione all’unione dei comuni permetterebbe un risparmio sulla TARI del 20%, le risorse risparmiate si potrebbero utilizzare per la riduzione della stessa imposta. Sempre all’interno dell’Unione dei Comuni si potrebbe usufruire del delegato paesaggista, anche in considerazione del fatto che il Comune di Castelsardo ad oggi ne è sprovvisto, creando disagi e tempi di attesa messicani da parte dell’Ufficio Tutela nelle pratiche degli studi tecnici locali.

L’adesione , porterebbe benefici a tutti i centri aderenti anche in funzione turistica, da considerare che dopo Castelsardo, il visitatore potrebbe spostarsi in altre realtà culturali dei comuni limitrofi, quali Tergu con i suo numerosi siti archeologici, Nulvi con suo il museo etnografico e il pozzo sacro nuragico, Martis con la sua foresta pietrificata, Perfugas con il civico museo Archeologico e Paleobotanico.

Speziga aggiunge anche che è necessario che il porto turistico di Castelsardo, divenga il porto del territorio, coinvolgendo i comuni dell’Anglona nella gestione dello stesso, ciò al fine di dare maggiore forza contrattuale nella programmazione degli interventi che si renderanno necessari.

Più informazioni su