Pneumatici, quando suona il campanello d’allarme

travolto

Pneumatici, quando suona il campanello d’allarme. È iniziato ufficialmente l’inverno. Per gli automobilisti questo è tempo di cambiamento di pneumatici. Perché, si sa, stiamo parlando di un atto quasi dovuto nel momento del cambiamento di stagione. È una questione di sicurezza, utile a garantire la maggior efficienza possibile. Ci stiamo riferendoMagliona a ruote fumanti al Trofeo Luigi Fagioli di Gubbio a un qualcosa di estremamente fondamentale ed essenziale quando ci si mette alla guida. Ma, al di là del tempo, ci sono altri segnali che ci dicono che è tempo di cambiare. A volte, è profondamente difficile rendersene conto e accorgersene. Sarebbe perfetto sottoporre continuamente e costantemente la propria auto a controlli e revisioni, ma non sempre ciò, per svariati e infiniti motivi, è possibile. E allora ecco dei consigli per capire quando il campanello d’allarme sta suonando e non si può più far finta di nulla.

Innanzitutto si può parlare della cosiddetta ernia della gomma. In che cosa consiste? In una ernia che si va a formare sul fianco dello pneumatico e che provoca la rottura di cavi carcassa. In questo caso occorre procedere il prima possibile alla sostituzione. Il rischio principale infatti è la rottura della gomma interna di tenuta, in quanto essa può esser stata provocata da un urto contro un elemento esterno, come, per esempio, un marciapiede. La conseguenza più visibile è la perdita d’aria. Insomma, un qualcosa che non può essere affatto sottovalutato e preso sottogamba. C’è un qualcosa che va però sottolineato: la procedura di smontaggio e montaggio va fatta con particolare attenzione, perché se essa non dovesse essere corretta potrebbe portare alla rottura del tallone della gomma. La tenuta del cerchio non è, a questo punto, più garantita ed è necessario recarsi dal gommista per evitare altri guai e problemi. E la tecnica di montaggio sarà perfetta. Perché essa conta e non poco. E occhio anche alla conformità del cerchio e alle attrezzature. Se quest’ultime dovessero essere inappropriate la rottura del tallone della gomma potrebbe essere dietro l’angolo. Meglio ricordarsi tutto ciò.

Ciò che appare chiaro è che ogni automobilista dovrebbe avere a disposizione una sorta di guida per capire quando sta correndo dei pericoli e la sicurezza non è ai livelli massimi. Certo, è un qualcosa di davvero molto complicato, se non addirittura impossibile e improbabile. Va detto, però, che certi campanelli d’allarme sono visibili anche all’occhio di chi non è un grandissimo esperto. Basti pensare all’usura, causata magari da pneumatici troppo datati. Ci stiamo riferendo, per esempio, alla presenza di polvere e venatura, che possono anche riguardare le spalle. Sicuramente un segnale che dovrebbe preoccupare può essere l’aumento di consumo di carburante. Senza alcun dubbio, questo è un qualcosa di anomalo e anormale. Insomma, la prudenza non deve essere mai troppa. Sempre meglio un controllo in più che un viaggio con i parametri di sicurezza totalmente sballati o peggio assenti. Alla fine è questo il principio di cui tutti gli automobilisti dovrebbe tenere conto. E, in questo caso, non serve nemmeno una guida per ricordarlo, ma basta solo un po’ di buon senso e razionalità.

Dobbiamo, infine, ammettere che il mondo pneumatici è piuttosto interessante da analizzare in quanto negli ultimi anni gli automobilisti hanno cambiato totalmente le abitudini. Ci riferiamo principalmente all’acquisto dei pneumatici che avviene sempre più spesso su internet, attraverso siti specializzati come www.gommadiretto.it e giga-pneumatici.it. Ovviamente i pneumatici vengono recapitati a casa e poi sarà il gommista di fiducia ad effettuare il montaggio.

Antonello Di Muccio

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com