Home / POLITICA / M5S Sassari, Bilancio di Previsione 2017: “Il nostro voto è contrario, vi spieghiamo il perché”

M5S Sassari, Bilancio di Previsione 2017: “Il nostro voto è contrario, vi spieghiamo il perché”

Discussione del terzo Bilancio di previsione proposto dall’attuale Amministrazione del Comune di Sassari 2017: il Movimento Cinque Stelle vota NO. “Basta perdere tempo, un documento così scontato e banale non fa che confermare lo stato di stasi in cui versa l’Amministrazione della nostra città. La Giunta è monca, manca di due assessori, fra cui l’ex vice sindaco. Sono segnali di fallimento, amministrativo e politico – attaccano Desirè Manca, Maurilio Murru e Marco Boscani, portavoce del Movimento Cinque Stelle in Consiglio -. Il gradimento del nostro sindaco è crollato e avere i conti in ordine non vuol dire gestire al meglio le risorse. C’è un bilancio di previsione che per definizione dovrebbe essere condiviso, ma che di condiviso ha poco o nulla. Ammettere la propria incapacità nello stare al passo con i tempi e nel governare sarebbe un grande passo avanti. Purtroppo mancano coraggio e volontà di creare alternative. Questo è un bilancio che fa comodo al sindaco Sanna e alla sua Giunta. Ma a noi e ai cittadini assolutamente no”.

Bilancio 2017 M5S contrario SassariLe risorse sono importanti, un bilancio deve fare i conti con la cassa e partire dal realismo, ma se non si è capaci di allargare gli orizzonti di reperimento allora l’impresa diventa ardua, quasi impossibile: varie e differenti modalità di reperimento, varie e differenti modalità di utilizzo. No agli schemi fissi e all’immobilismo. No alle politiche di austerità e timore. Si alla politica del fare di più anche con meno. Ma se la musica non cambia, se l’intento non muta, questa Amministrazione continuerà sempre a proporre le stesse inutili e inique soluzioni. Quel che si percepisce è l’adattarsi dell’Amministrazione comunale alla dimensione del meglio di niente, in uno scenario di appiattimento generale che, ratificato dai comportamenti e dalle decisioni degli amministratori, è accettato a testa bassa. A voi va bene così, a noi e ai cittadini assolutamente no”.

Ai cittadini interessano Dup e bilancio? Interessano pagine e pagine di numeri e dati? Pensare alle persone che vivono la città sarebbe punto di vista utile a capire e agire, punto di vista troppo spesso o quasi sempre ignorato. Ciò detto, Dup e bilancio sono documenti collegati e complessi, entrare nel merito è particolarmente difficile, fra l’altro non abbiamo ancora il consuntivo e per questo non è stato possibile proporre emendamenti. – spiegano Manca, Boscani e Murru -. Difficile, anche in considerazione del tempo, scarso o meglio tendente allo zero, dato ai Consiglieri per studiarlo e esaminarlo a fondo, come dovuto. Ma non ci sottrarremo certo al nostro compito, e questi documenti li abbiamo affrontati, letti e analizzati nel pieno rispetto dei cittadini che rappresentiamo”.

Quella che emerge, fra i numeri e le parole, è una grave crisi di idee, di iniziative, di coraggio. Crisi che attanaglia una gestione immobilizzata dal suo stesso essere: il futuro è incatenato e la Giunta del sindaco Sanna non può fare nulla, non fa nulla, non può toccare nulla. Servono segnali concreti: inutile presentare ordinanze anti degrado e presentarsi alla città con edifici comunali fatiscenti. I cittadini hanno sempre maggiore difficoltà a pagare le tasse: questo è uno dei nodi cruciali, e l’Amministrazione non riesce a invertire la tendenza. Parole, numeri, ma pochissimi fatti. Promesse fatte, tante, le stesse che tre anni fa hanno convinto i nostri concittadini a dare fiducia a questa Amministrazione. Oggi Sassari vuole ricominciare a sperare, chiede dignità, lo sta urlando – proseguono -. Salute, lavoro, casa, istruzione, trasporto, turismo: questo vuole la città. Non vuole certo assistere, e così è da tre anni, ai giochi di potere fra le componenti interne della maggioranza e del PD”.

Non ci si può più nascondere sotto una coperta accusata di essere diventata più corta nello scorrere degli anni: i fondi nazionali e regionali sono stati drasticamente tagliati, è vero, ma Sassari fa parte dell’Europa anche se dai bandi europei non si riesce a ottenere nulla. Come si possono decurtare somme riservate a sicurezza, giovani e famiglie, giusto per citare alcune aree chiave, nel momento in cui lo stesso Comune che taglia non è in grado di recuperare quasi 6 milioni di crediti vantati presso multinazionali, banche, sindacati e altri soggetti? Siamo stati accusati di essere bugiardi, ma i dati raccolti ci hanno dato ragione. E parlano chiaro – chiudono Maurilio Murru, Marco Boscani e Desirè Manca -. Nel vostro bilancio di previsione, quel che colpisce a prescindere dal capitolo analizzato, è la voce spese varie. La visione programmatica dell’Amministrazione Sanna prometteva trasparenza, partecipazione e conoscenza. La nostra interessata curiosità ci ha portato a raggruppare gli importi alla voce spese varie: oltre 2 milioni di euro, e non è dato sapere esattamente cosa corrisponde alla dicitura”.

Info su La Redazione

Controlla Anche

Sassari. Presentazione del Progetto comunitario FRINET2

Promocamera, Azienda Speciale della CCIAA di Sassari, ha il piacere di invitarvi a partecipare alla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com