Grossa Operazione antidroga nel centro Sardegna, sequestrati 165 chili di marijuana

Il Procuratore Ezio Domenico Basso

Il maggiore Alfonso Musumecci

Il Colonello Luciano Paganuzzi

Conferenza stampa nella stazione dei Carabinieri di Oristano, per illustrare una delle più grosse operazioni antidroga della provincia e forse dell’intera Sardegna. Il grosso quantitativo di marijuana, ben 165 chili, che se immessi sul mercato delle droghe avrebbe fruttato un milione e trecentomila euro, secondo le valutazioni del comandante provinciale dei carabinieri di Oristano, il colonnello Luciano Paganuzzi, che durante il suo intervento ha anche spiegato che “Più o meno, sarebbero state circa 120.000, 160.000 le dosi prodotte a Km. 0, che sarebbero state immesse nel mercato clandestino delle droghe. L’operazione è stata effettuata dalla Compagnia dei Carabinieri di Ghilarza – ha precisato – e il recupero è stato possibile grazie a un cane antidroga e alla caparbietà del suo conduttore. La droga, stivata dentro bidoni di plastica, in sacchi di juta e in buste di diverse grammature pronte per essere smistate, si trovava in un piccolo casolare, ermeticamente chiuso, per cui è stato necessario forzare la porta per accedervi. Questo deposito, era situato in aperta campagna, in una zona del centro Sardegna, della provincia di Nuoro, che però rientra nella giurisdizione della Procura Oristanese”.

Le indagini, hanno avuto una svolta dopo una precedente operazione, avvenuta il 4 settembre del 2016 a Santu Lussurgiu, che aveva portarono al recupero di 18 chili e mezzo di droga e al sequestro di una pistola.

Non possiamo dare ulteriori informazioni sull’identità di coloro che sono coinvolti nella faccenda, perché le indagini sono ancora in evoluzione – ha sottolineato il Procuratore, Ezio Domenico Basso – per il momento l’accusa di spaccio e coltivazione di sostanze stupefacenti, è contro ignoti, perché per il momento, non abbiamo ancora individuato con certezza gli autori del reato”.

Nell’operazione sono stati coinvolti più di un centinaio di uomini delle compagnie di tutta la Sardegna, oltre agli uomini della squadra cinofili di Abbasanta, gli elicotteri della Compagnia eliportata di Elmas e quelli della Compagnia di Ghilarza, comandati dal maggiore Alfonso Musumeci, che hanno condotto in porto l’operazione. L’inchiesta comunque procede e a breve si prevedono ulteriori sviluppi.

Gian Piero Pinna

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com